Vini

Vitigni autoctoni pugliesi: si amplia l’elenco.

Approvata, da parte della Giunta regionale pugliese, la delibera che integra e amplia l’elenco dei vitigni originariamente e storicamente presenti da oltre cinquant’anni sul territorio pugliese. “Puntare su qualità, valorizzazione, promozione dei vini da vitigni autoctoni pugliesi, come strategie di rilancio e consolidamento di un comparto che è tra i …

Leggi tutto

Vini blend: cosa sono e come venderli

Vini blend

Nel mondo enogastronomico l’introduzione dei cosiddetti vini “blend” ha permesso ai viticoltori e ai produttori di aumentare in modo esponenziale la qualità e la varietà di prodotti offerti ai consumatori e agli appassionati. Di cosa si parla quando si fa riferimento ai vini di questo tipo? Qual è il loro …

Leggi tutto

La Puglia e i suoi preziosi vini

La Puglia e i suoi preziosi vini

La Puglia e i suoi preziosi vini La Puglia, terra con caratteristiche diverse a seconda della zona dove vai, con le sue acque cristalline, piccoli borghi e villaggi tipici, dove la tradizione padroneggia e gli ulivi secolari con le antiche masserie ne costituiscono un luogo unico e privilegiato, è una …

Leggi tutto

Diffusione e coltura

Diffusione e coltura e utilizzazione in Puglia A fine ‘800 il Primitivo era coltivato principalmente e con successo a Gioia del Colle e in altri comuni della provincia barese (Acquaviva delle Fonti, Casamassima, Palo del Colle e Bitonto) (Perelli, 1874), come pure nel Brindisino e nel Leccese, dove maturava più …

Leggi tutto

descrizione

Descrizione morfologica Germoglio: apice molto lanuginoso, bianco verdastro chiaro, con estremità rosse, privo di colorazione rosa dei peli. Foglioline apicali a coppa, verde giallastro sfumate di rame, inferiormente cotonose. Quarta fogliolina poco a coppa o piana, verde chiaro giallastro più o meno intensamente ramata, con nervature e orlo rossi, inferiormente …

Leggi tutto

Notizie storiche

Una prima breve descrizione del Primativo o Primaticcio, coltivato a Gioia del Colle, Altamura e Trani, fu stilata da Giuseppe Frojo su incarico del Comitato Centrale Ampelografico (1875). Qualche anno dopo Domenico Frojo (1879) ne delinea in modo più dettagliato i caratteri principali, definendo l’aroma dell’uva particolare. Sempre Giuseppe e …

Leggi tutto